L'arroganza delle multinazionali imperversa

L'arroganza delle multinazionali imperversa

L’arroganza delle multinazionali imperversa. E gli italiani subiscono gli effetti nefasti di un’azione politica ormai quarantennale, che, anziché opporsi al mercato unico globale, ha favorito l’indebolimento del sistema economico italiano, cedendo a privati tutto il settore industriale appartenente all’IRI, nonché industrie importanti come quelle dell’Eni, dell’Ina, dell’Enel ecc.

Ora il governo è in grave difficoltà, e a rimetterci sono soprattutto i lavoratori.

La Whirlpool americana cede l’industria situata a Napoli, che produce lavatrici, e la trasferisce in Svizzera, gettando sul lastrico 410 operai con tutte le loro famiglie.

Oggi c’è uno sciopero nazionale dei metalmeccanici coadiuvati da tutti i sindacati. Noi siamo vicini a loro, riconoscendo tutti i loro diritti costituzionali, indecentemente calpestati nella prospettiva di un mercato unico globale.

Non dissimile è la situazione di Alitalia, la quale subisce l’inqualificabile ricatto di Atlantia della famiglia Benetton, che minaccia di ritirarsi dal partecipare al consorzio che dovrebbe salvare l’Alitalia, qualora le venissero tolte le concessioni autostradali, che, in base a criteri di giustizia, le dovrebbe essere tolte perché, gestite senza manutenzione per 25 anni, hanno determinato il crollo del ponte di Genova, provocando 43 morti.

Questa sfrontataggine, offensiva per tutti gli italiani, non è tollerabile.  Sottolineiamo in proposito che la soluzione dei nostri problemi sta solo nella rinazionalizzazione delle nostre fonti di produzione di ricchezza. E la manovra di bilancio in atto dovrebbe porre in primo piano, utilizzando la flessibilità concessa dall’Europa, la nazionalizzazione, sia di Alitalia, sia dell’industria ceduta da Whirlpool.

Ricordiamo inoltre che contratti di cessione di industrie residenti nel nostro territorio sono nulli, ai sensi dell’articolo 1418 del codice civile, in quanto violano la norma precettiva dell’articolo 41 della Costituzione, secondo la quale: “l’autonomia privata (a chiunque appartenga) non può essere in contrasto con l’utilità sociale o svolgersi in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”.

A nostro avviso, i lavoratori della Whirlpool di Napoli, unitamente ai loro sindacati, dovrebbero agire sul piano giudiziario e chiedere al tribunale l’annullamento del contratto di cessione della Whirlpool alla società svizzera Passive Refrigeration Solutions.

In questo quadro tanto nero, che non riceve il dovuto sostegno della nostra stampa più letta (perché tutti sono vittime del pensiero economico predatorio neoliberista), si aggrava ulteriormente per l’atteggiamento degli Stati Uniti, che, per punire la Francia, che ha ricevuto aiuti dall’Europa per sostenere la produzione dei suoi aerei, alterando, ad avviso di Trump, la concorrenza dei Boing americani, colpisce anche l’Italia attraverso la guerra dei dazi.

Ma cosa c’entrano gli Airbus e i Boing con il nostro Parmigiano Reggiano, con il nostro Grana Padano e con il nostro Pecorino? È ora di finirla con questa ridicola ritorsione su persone estranee alle vicende di cui si parla.

È arrivato il momento che il nostro governo agisca con forza e fermezza. Dalla parte nostra c’è la Costituzione della Repubblica Italiana, i cui principi a tutela della persona umana prevalgono, secondo la teoria dei contro limiti, su tutti gli altri interessi italiani e stranieri.

E non si dimentichi che la nostra stessa Costituzione, per la quale la sovranità appartiene al popolo, ha come fondamento il lavoro. La cui difesa deve essere l’obiettivo fondamentale dei nostri governanti. Ed è anche per questo che auguriamo un grande successo alla manifestazione odierna di Roma a favore dei lavoratori napoletani della Whirlpool.

Professor Paolo Maddalena.

Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

 

 

One Response

  1. Gent.mo Prof.re Maddalena Paolo.
    Bellissimo e perfetto articolo! Lo pubblico su FB per tutti i miei amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *