COMUNICATO STAMPA DELL'ASSOCIAZIONE “ATTUARE LA COSTITUZIONE” SULL'ATTUAZIONE DELLE AUTONOMIE DIFFERENZIATE

Questa associazione, che persegue l’attuazione dei principi e dei diritti fondamentali
della Costituzione, ha il dovere di chiarire gli elementi in base ai quali è necessario
opporsi alla proposta, ora in bozza, di legge Calderoli sull’attuazione delle autonomie
differenziate. Questa bozza frantuma l’unità economica e giuridica del Paese e la
stessa sovranità dello Stato Comunità, poiché elimina l’obbligo, affermato da una
ventennale e costante giurisprudenza della Corte Costituzionale, del rispetto degli
interessi nazionali e delle altre Regioni, vanificando, a tali fini, il dovere giuridico
delle Regioni stesse di conformarsi, nell’esercizio della loro potestà legislativa
concorrente, ai principi fondamentali dettati dalle Leggi dello Stato.
La bozza peraltro pone le Regioni in una situazione di concorrenza, escludendo la
possibilità del perseguimento dell’interesse generale di tutti i cittadini e aggrava il
divario socio-economico già esistente nel Paese penalizzando comunità e cittadini
di aree già svantaggiate. Essa prevede inoltre che l’attuazione delle autonomie
differenziate, di cui all’art. 116 Cost., avvenga con una “intesa” di carattere
amministrativo tra Ministri e Regioni, raggiunta a seguito di una apposita
“negoziazione” e trasfusa in un disegno di legge, che “è immediatamente trasmesso
alle Camere ai fini della mera approvazione”, senza alcuna discussione da parte delle
stesse, cioè dei rappresentanti del popolo.
L’Associazione, pur restando dell’avviso che l’intero articolo 116 Cost. vìola i principi
fondamentali della Costituzione, riservandosi per tale motivo altre azioni tese ad
abrogarlo, ritiene necessario che la deprecabile attuazione delle autonomie
differenziate avvenga, quantomeno, non con un accordo e una intesa del Governo con
le Regioni, ma con una legge dello Stato da porre a votazione dei membri del
Parlamento, e da sottoporre a referendum costituzionale secondo i termini e le
procedure di cui all’art. 138 Cost., fatto salvo il ricorso al referendum abrogativo di
cui all’art. 75 Cost.
Per questo motivo sostiene le ragioni del disegno di legge costituzionale, denominato
“ modifica dell’articolo 116 comma 3 della Costituzione, e dell’art. 117, commi 1, 2 e
3, con l’introduzione di una clausola di supremazia della legge statale, e lo
spostamento di alcune materie di potestà legislativa concorrente alla potestà
legislativa esclusiva dello Stato”, già depositato in Corte di Cassazione, e per il quale
è in corso la raccolte di firme dei cittadini.


Il Presidente
Prof. Paolo Maddalena

Come iscriversi all'associazione "Attuare la Costituzione" del Presidente Maddalena