Acqua pubblica, migranti, privatizzazioni: come i politici calpestano la Costituzione

Acqua pubblica, migranti, privatizzazioni: come i politici calpestano la Costituzione

Sembra che i politici abbiano deciso di non tenere alcun conto delle norme e dei principi della Costituzione della Repubblica italiana, la quale, come si legge nelle norme transitorie della stessa, è “legge fondamentale dello Stato”.

Infatti, mentre con il decreto crescita si toglie alla “proprietà pubblica” del popolo, concedendola a una SPA probabilmente straniera l’acqua che alimenta l’Irpinia, la Puglia e la Basilicata, con un colpo di genio la Regione Lazio regala all’Acea le acque pubbliche del Peschiera e del Le Capore, prosciugando i relativi territori con gravissimo disagio delle popolazioni locali e facendo guadagnare alla stessa Acea 150 milioni di utili (da divide tra i soci) solo per quest’anno, in piena violazione con quanto dispone l’articolo 43 della Costituzione.

Non è così, a termine di Costituzione, che va gestita, nell’interesse di tutti, l’acqua pubblica, che è parte integrante del territorio italiano ed è oggetto di “proprietà pubblica demaniale” dell’intero popolo, checché ne dicano alcuni docenti che vogliono eliminare il demanio.

Assurda è poi la posizione del governo nei confronti dei 42 naufraghi ai quali è stato vietato di sbarcare dalla Sea Watch e si trovano ancora nel porto di Lampedusa in situazioni igienico-sanitarie terribilmente gravi.

Questo significa non essere consapevoli che la Costituzione della Repubblica italiana “riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo”, “imponendo inderogabili doveri di solidarietà sociale”, e che, nel caso in esame, la comandante Carola Rackete, costretta dallo “stato di necessita”, non poteva che agire secondo quanto ha ritenuto di fare.

Un governo che non riconosce lo stato di necessità per salvare la vita e la salute dei naufraghi, come impone l’articolo 32 della Costituzione, dimostra una completa disinformazione delle norme costituzionali e dei principi generali dell’ordinamento giuridico.

Infine la polemica tra Di Maio e Salvini sulle concessioni autostradali a Benetton e sull’interessamento della società privata Atlantia, facente capo allo stesso Benetton, alla compagnia di bandiera Alitalia, dimostrano che Matteo Salvini, ministro dell’Interno e Vice Presidente del Consiglio dei Ministri, vuol far prevalere, calpestando la Costituzione, l’interesse privato sull’interesse pubblico generale.

In questa vicenda hanno agito bene Luigi Di Maio e Danilo Toninelli, i quali hanno messo al primo posto l’interesse del popolo italiano e non quello privato delle SPA di Benetton, la cui ricchezza consiste nell’appropriazione e nella gestione di servizi pubblici essenziali e di beni in proprietà pubblica i quali sono tutelati, nell’interesse del popolo, dal citato articolo 43 della Costituzione.

Gli italiani dovrebbero unitariamente richiedere con forti toni al governo soprattutto il rispetto della Costituzione ed in particolare il rispetto di quanto essi stessi hanno deciso con il referendum sull’acqua del 2011.

Professor Paolo Maddalena.

Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

 

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

 

 

One Response

  1. assurdo è ancora leggere dei migranti che naufraghi non sono.
    è assurdo ancora leggere che si tengono due piedi in una scarpa.
    Le ONG sono finanziate da Soros. Chi paga le barche, aerei, personale etc.?
    Soros è quello che nel 1992 ha speculato 15 mila miliardi in italia. Se va in Malesia o in Thailandia, dove ha fatto le stesse speculazioni, nel primo lo attende una condanna a morte nel secondo un ergastolo.
    Ma lei finge che qui in italia ha ricevuto la laurea ad honorem ( https://nomassoneriamacerata.blogspot.com/2015/07/luniversita-di-bologna-ha-premiato-dei.html).
    Quella Laurea ad honorem (e quella impunità) è il filo lungo che lo lega ai migranti. Soros ha queste due vesti: è finanziere predatorio (ma tutti hanno memoria corta) ed è filantropo (e si cade nella propaganda di un umanitarismo scadente, sapendo che guerre e saccheggio di risorse dei paesi del cd “terzo mondo” è fatto dai compognozzi di merenda di Soros).
    Poiché i due concetti si escludono a vicenda è da escludere che il personaggio abbia nel suo retaggio di sciacallo predatore un solo milligrammo di filantropia. E’ altresì certo che dietro la filantropia lo sciacallo predatore persegue i suoi piani del pensiero unico, della natura unica, della cultura unica. In una parola: MONDIALIZZAZIONE= distruzione di tutte le diversità.
    Insisto nel dire che non si può stare con due piedi in una sola scarpa.
    Quanto al resto ignora ciò che ella stesso ha scritto e viene inviato agli iscritti. L’Italia non è mai uscita dal fascismo e lei non è il solo che dice che se ne esce solo Attuando la Costituzione. C’è chi lo diceva negli anni 50 e chi ha continuato a dirlo negli anni 70. Etc.
    Questo è ciò che conta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.