L'altalenanza pavida delle decisioni del governo e le assurde pretese dei Mittal

L'altalenanza pavida delle decisioni del governo e le assurde pretese dei Mittal

Due sono i fatti rilevanti da sottolineare nella vicenda Ilva-ArcelorMittal. Innanzitutto l’oscillante pusillanime posizione dei governi, che si sono succeduti nel tempo, sulla concessione o non dell’immunità penale, senza tenere presente che questa concessione è giuridicamente impossibile e, se concessa, dovrebbe essere immediatamente cancellata dalla Corte costituzionale, trattandosi in pratica di una “licenza di uccidere”.

Tale immunità è stata concessa una prima volta da Monti poi in forma estesa da Renzi, inoltre prima revocata e poi tentata di riconcederla da Di Maio, e infine eliminata dai grillini con il decreto crescita e con il decreto imprese.

Per di più nella riunione tra governo e ArcelorMittal si è verificata una spaccatura tra M5s, che ha insistito per non concedere l’immunità e Pd, Leu e Iv, che invece , dimostrando inutile pavidità, hanno dichiarato di volerla ripristinare.

Una situazione altalenante che purtroppo espone il nostro governo alle critiche pungenti dell’opinione pubblica nazionale e internazionale.

D’altra parte assurda è la posizione di ArcelorMittal, la quale in sostanza, come si sono abituate a fare le multinazionali straniere, vuole scaricare sugli operai il rischio di impresa che è e deve restare dell’imprenditore.

ArcelorMittal ha avuto la baldanza di citare in giudizio il nostro governo per ottenere la rescissione del contratto, adducendo di aver assunto obbligazioni a condizioni inique, a causa di una falsa rappresentazione dei dati reali da parte del contraente italiano.

Si tratta di una falsità utilizzata come mero espediente cavilloso. ArcelorMittal dovrebbe leggere meglio l’articolo 1447 del Codice civile, secondo il quale “la rescissione del contratto può verificarsi quando una parte ha assunto obbligazioni a condizioni inique per la necessità, nota alla controparte, di salvare se o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona.” Ma qual era la situazione di pericolo attuale di un danno grave grave alla persona da parte di ArcelorMittal?

In questo caso il danno grave è stato subito dagli operai dell’Ilva, uno dei quali ha perso la vita a causa della cattiva manutenzione dell’altoforno numero 2, e dall’intera popolazione di Taranto, che ha subito un aumento gravissimo delle morti da tumore.

ArcelorMittal pesca nel torbido e non può essere considerato un contraente affidabile. In realtà essa vuole una sola cosa: ridurre il personale di 5000 unità e impossessarsi delle commesse dell’Ilva per combattere la concorrenza delle altre imprese di settore.

È invece il governo italiano che deve chiedere con dignità, non la rescissione del contratto come vorrebbe ArcelorMittal, ma la risoluzione del contratto ai sensi dell’articolo 1453 del Codice civile secondo il quale: “quando uno dei contraenti non adempie alle sue obbligazioni, l’altro può, a sua scelta, chiedere l’adempimento o la risoluzione del contratto, salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno”. Ed è su quest’ultimo aspetto che il governo dovrebbe insistere.

Se ne avessimo la forza, suggeriremmo al governo di chiudere ogni forma di trattativa con ArcelorMittal, nazionalizzare per sempre questa industria, stabilendo quanta parte di essa risponda alle effettive richieste del mercato dell’acciaio e quanta parte invece deve essere invece riconvertita in altre attività assolutamente non inquinanti, le quali certamente produrrebbero molto profitto per lo Stato italiano, come è avvenuto per il bacino della Rhur che conteneva centinaia di industrie inquinanti che sono state riconvertite in attività culturali o di diporto.

Inviteremmo anche i lavoratori a costituirsi in una società cooperativa ai sensi dell’articolo 45 della Costituzione, dichiarandosi pronti a portare avanti l’attività dell’Ilva sotto la direzione di manager capaci e onesti, scelti da loro e di concerto con il governo.

Il momento è estremamente delicato e il governo ha la necessità inderogabile di non spezzare il rapporto di fiducia che il popolo ha nelle istituzioni.

E a tal fine, in questo momento, deve adottare una unica soluzione: nazionalizzare l’Ilva e mandare a casa ArcelorMittal. Lo impone l’articolo 54 della Costituzione che fa obbligo a tutti e in particolare a chi esercita pubbliche funzioni di osservare la Costituzione, che è legge fondamentale dello Stato ai sensi della disposizione diciottesima delle norme transitorie della Costituzione stessa, agendo per altro con “dignità ed onore”.

Professor Paolo Maddalena.

Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

Potrebbero interessarti anche:

Il carattere contabilistico e burocratico del disegno di legge della commissione Rodotà sui cosiddetti beni comuni

Il caso delle trivelle nello Ionio è uno scempio per l’ambiente

L’errore è stato di trasferire le fonti di produzione dallo Stato ai privati

Tap: l’opera va bloccata perché viola la Costituzione

L’Unione Europea modifichi i trattati di Maastricht e di Lisbona

Nazionalizzazioni e privatizzazioni.Oggi è una giornata di lutto nazionale. Ilva svenduta agli stranieri

Il mercato globale, le menzogne del neoliberismo e l’aumento dello spread

Il neoliberismo, causa determinante degli sconvolgimenti attuali

Per salvare l’Italia non c’è altra via che attuare la Costituzione oggi vigente

Ilva: l’aggiudicazione sarebbe un atto fortemente viziatoIl Governo fa marcia indietro su un radicale cambiamento della politica delle privatizzazioniI beni e servizi pubblici devono tornare alla proprietà collettiva del popolo

Le nazionalizzazioni non sono un regresso, ma la salvezza dell’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *