L'emergenza rende evidente l'importanza della sanità pubblica

L'emergenza rende evidente l'importanza della sanità pubblica

Il nostro governo, per quanto riguarda il problema Coronavirus, ha agito in modo ineccepibile e soprattutto va sottolineata l’eroica risposta data dal servizio sanitario nazionale.

Previgenti sono stati anche alcuni sindaci, come la Raggi, che hanno preparato delle tendopoli per accogliere gli eventuali contagiati. Ma proprio questi ultimi provvedimenti ci fanno capire quanto insulsa, egoistica e drammatica sia stata la decisione europea di imporre all’Italia un regime di austerity.

Il taglio lineare alle spese sanitarie ha prodotto una drastica diminuzione dei posti letto e, addirittura, come avvenuto al policlinico di Tor Vergata, ha impedito di utilizzare un intero fabbricato, già pronto per l’uso, per mancanza di fondi.

Ora il Parlamento italiano si appresta ad approvare il MES (meccanismo europeo di stabilità) che pone chi ha bisogno di prestiti, come lo siamo noi, nelle condizioni di non poter assolvere agli obblighi assunti, mentre dispone d’altro canto la immunità degli operatori di questa strana istituzione europea.

Certamente non è questo il momento di fare polemiche o creare fonti di inimicizia. Quello che dobbiamo sperare è un cambiamento della politica economica dell’Unione europea, la quale, sul punto del Coronavirus, non si è ancora espressa con nessun provvedimento.

La lezione che possiamo apprendere dalla vicenda del Coronavirus è che l’Italia, come del resto ha fatto il Portogallo, non deve assolutamente cedere sulla distruzione del welfare e deve riconquistare quel patrimonio pubblico che le è stato sottratto da governanti assolutamente inidonei, i quali lo hanno ceduto a faccendieri privati e a fameliche multinazionali.

La soluzione di tutto è, ancora una volta, nel rispetto della Costituzione e, in particolare: dell’articolo 1 della Costituzione, secondo il quale: “la sovranità spetta al popolo italiano” e non ai mercati finanziari; l’articolo 2 che impone inderogabili doveri di solidarietà politica, economica e sociale; l’intero titolo terzo della parte prima della Costituzione e, specialmente, gli articoli 41 e 42 che tutelano il patrimonio pubblico e infine l’articolo 54 che impone a tutti i cittadini di osservare la Costituzione e le leggi e a coloro che sono investiti di pubbliche funzioni di agire con disciplina e onore.

Si tratta di reagire al disonore dei precedenti governi che hanno privatizzato e svenduto i nostri servizi pubblici essenziali, le fonti di energia e le situazioni di monopolio attraverso un’onorevole azione da parte degli attuali politici di recupero dei beni del Popolo e, conseguentemente, della nostra onorabilità a livello internazionale.

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

Potrebbero interessarti anche:

Il carattere contabilistico e burocratico del disegno di legge della commissione Rodotà sui cosiddetti beni comuni

Il caso delle trivelle nello Ionio è uno scempio per l’ambiente

L’errore è stato di trasferire le fonti di produzione dallo Stato ai privati

Tap: l’opera va bloccata perché viola la Costituzione

L’Unione Europea modifichi i trattati di Maastricht e di Lisbona

Nazionalizzazioni e privatizzazioni.Oggi è una giornata di lutto nazionale. Ilva svenduta agli stranieri

Il mercato globale, le menzogne del neoliberismo e l’aumento dello spread

Il neoliberismo, causa determinante degli sconvolgimenti attuali

Per salvare l’Italia non c’è altra via che attuare la Costituzione oggi vigente

Ilva: l’aggiudicazione sarebbe un atto fortemente viziato

Le nazionalizzazioni non sono un regresso, ma la salvezza dell’Italia

3 Responses

  1. Ma non gli bastavano le castronerie profuse senza ritegno durante la campagna referendaria per la riforma Boschi, e che io ebbi modo di ascoltare personalmente? Adesso dobbiamo sorbirci anche i suoi sproloqui sul coronavirus? Non potrebbe godersi la sua lauta pensione di ex Presidente della Consulta e starsene zitto?

  2. La Costituzione è il Libro dei Sogni, Essa è lo strumento ingannevole, che permette al potere Politico di Trufare il Popolo dei Suoi Diritti
    Sanciti dalla Costituzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.