L’autorizzazione a procedere su un ministro è competenza dei parlamentari

L’autorizzazione a procedere su un ministro è competenza dei parlamentari

La decisione di sottoporre al voto di pochi soggetti che utilizzano la piattaforma Rousseau, gestita peraltro dalla società a responsabilità limitata Casaleggio Associati, viola in pieno i fondamentali principi democratici della nostra Costituzione repubblicana.

Votare sull’autorizzazione a procedere a carico di un ministro è competenza esclusiva e inalienabile dei parlamentari eletti dal popolo attraverso le elezioni politiche e gli eletti devono rispondere alla loro coscienza e a quanto loro impone la Costituzione sulla quale hanno giurato. Far dipendere il voto del parlamentare dalla scelta di pochi associati non solo viola in pieno, come si è detto, i principi fondamentali della Costituzione, ma potrebbe anche presentare profili di responsabilità penale. E’ per questo che l’Associazione “Attuare la Costituzione”, invia copia della presente comunicazione anche al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma.

Professor Paolo Maddalena.

Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

 

2 Responses

  1. A parte il fatto che non si riesce a votare perché i server sono sottodimensionati (ed era così anche per alcune votazioni precedenti), e che la piattaforma non è trasparente (non è nemmeno a sorgente aperto), la decisione di far votare gli iscritti non mi scandalizza. Formalmente sono sempre i parlamentari che votano, e se vogliamo guardare alla sostanza, allora dovremmo rilevare che le votazioni in parlamento sono quasi sempre sottratte alla coscienza del singolo parlamentare e quasi sempre decise da qualche soggetto terzo (capigruppo, capi partito, segreterie…).

  2. egr. professore,
    proprio di questo intendevo informare: “Il Laboratorio Italia”.
    La questione va al di là di quanto giustamente scrive e spero che quando allego aiuti a intendere il “Laboratorio Italia” che intendo.
    Qui https://www.ilfoglio.it/gli-speciali-del-foglio/2018/04/09/news/chi-e-davide-casaleggio-uomo-piu-potente-italia-188233/
    c’è una seria indagine da leggere con attenzione e il contraltare agli affari di famiglia è Berlusconi, cosa che il foglio non considera.
    Noi e la Costituzione da attuare siamo un orpello … e se non prendiamo il “toro per le corna” resteremo incornati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.