Razzismo e incompetenza insiti in alcuni emendamenti alla legge sul bilancio

Razzismo e incompetenza insiti in alcuni emendamenti alla legge sul bilancio

Siamo costernati di fronte al razzismo e all’incompetenza insiti in alcuni emendamenti approvati ieri in sede di legge sul bilancio.

Si è disposto che: la carta di sconto per famiglie numerose vale solo per gli italiani e non anche per gli extracomunitari; un secondo emendamento elimina il fondo sanitario per gli immigrati, rimettendo la sua istituzione all’iniziativa delle Regioni; un terzo emendamento tassa le utilitarie di maggior consumo prodotte in Italia come ad esempio la Panda (che potrà essere acquistata con una sovrattassa tra i 400 e i 1000 euro) per favorire l’acquisto di automobili ibride o a bassa emissione di CO2, che hanno un alto prezzo e sono acquistabili da persone più che agiate.

La conseguenza è che l’unica fabbrica Fiat che lavora in Italia e produce per l’appunto la Panda andrà in tilt, lasciando sulla strada altri numerosi operai.

E’ stupefacente come i nostri politici appaiano completamente all’oscuro di conoscenze essenziali del diritto e in particolare della Costituzione della Repubblica Italiana. La discriminazione razziale è vietata dal primo comma dell’articolo 3 Cost.; il favoreggiamento dei ricchi rispetto ai poveri viola, oltre tale comma dell’articolo 3, anche il secondo comma dello stesso articolo, secondo il quale “è compito della Repubblica rimuovere (sottolineiamo questa parola) gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del paese”; nonché il primo comma del successivo articolo 4, secondo il quale “la Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove (sottolineiamo questa parola) le condizioni che rendano effettivo questo diritto”.

Con questo comportamento i nostri politici danno l’impressione di non avere piena consapevolezza per quanto riguarda la lotta alla delinquenza (che aumenterà per l’impoverimento atroce degli immigrati) e contro la disoccupazione (che aumenterà per la diminuzione della produzione di automobili fabbricate in Italia).

Professor Paolo Maddalena.

Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.