Il voto dell’Emilia Romagna ha dimostrato con chiarezza e con lungimiranza che il benessere dell’Italia non si raggiunge scardinando lo Stato, ma rafforzando la democrazia.

A questo fine riteniamo che un ruolo importante sia stato svolto dalle Sardine, le quali hanno fatto capire gli errori del sovranismo, che da un lato (vedi Movimento 5 Stelle) ha mirato a distruggere i partiti e la . classe politica, e dall’altro ha dato largo spazio a un movimento (vedi la Lega) che ha ritenuto di poter agire alimentando l’odio specie nei confronti dei migranti.

Emerge a questo punto l’importanza della “parola”, che deve alimentare, non l’odio (come ha messo in rilievo il giorno della memoria dell’olocausto), ma la solidarietà e la forza di ricostruzione.

Al riguardo le parole del Partito Democratico che aprono nei confronti delle Sardine sono lodevoli. Ma un punto essenziale resta ancora oscuro: né il Partito Democratico, né le Sardine mettono in primo piano la soluzione del problema che è alla base di tutti gli altri problemi che affliggono l’Italia. E cioè l’inderogabile necessità di risollevare la nostra economia battendo il pensiero neoliberista, il quale, come abbiamo sempre ripetuto, rispetta i cosiddetti poteri forti e vuole che si legiferi in loro favore, producendo la miseria dell’intero Popolo italiano.

Le parole che hanno senso in questo momento sono: “no alle privatizzazioni”, “no alle liberalizzazioni”, “no alle delocalizzazioni”, “no alle svendite dell’intero patrimonio pubblico”.

L’Italia è in una situazione drammatica nella quale si moltiplicano le chiusure delle fabbriche, i licenziamenti di operai, e il divario sempre più ampio tra ricchi e poveri, proprio perché non si tiene conto degli obiettivi a cui si è fatto cenno.

Altro punto importante è quello di porre sullo stesso piano le regioni del Nord, che sono economicamente più forti, con le regioni del Sud, le quali hanno immense ricchezze naturali ed umane, che vengono sprecate.

La soluzione della crisi economica italiana dipende da due fattori: capire che il primo problema da risolvere è quello dell’economia, il secondo è quello di rendersi conto che la parità economica fra tutte le regioni è presupposto dell’effettivo miglioramento della nazione.

Tutto questo si raggiunge ponendo al primo posto dell’azione politica è l’attuazione della Costituzione e specialmente degli articoli da 35 a 47 relativi ai “rapporti economici”, tenendo presente l’articolo 5 della Costituzione, il quale definisce la Repubblica “una e indivisibile”.

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

Potrebbero interessarti anche:

Il carattere contabilistico e burocratico del disegno di legge della commissione Rodotà sui cosiddetti beni comuni

Il caso delle trivelle nello Ionio è uno scempio per l’ambiente

L’errore è stato di trasferire le fonti di produzione dallo Stato ai privati

Tap: l’opera va bloccata perché viola la Costituzione

L’Unione Europea modifichi i trattati di Maastricht e di Lisbona

Nazionalizzazioni e privatizzazioni.Oggi è una giornata di lutto nazionale. Ilva svenduta agli stranieri

Il mercato globale, le menzogne del neoliberismo e l’aumento dello spread

Il neoliberismo, causa determinante degli sconvolgimenti attuali

Per salvare l’Italia non c’è altra via che attuare la Costituzione oggi vigente

Ilva: l’aggiudicazione sarebbe un atto fortemente viziato

Le nazionalizzazioni non sono un regresso, ma la salvezza dell’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.