Mentre i nostri politici ancora non trovano una soluzione per l’acqua alta di Venezia e per l’Ilva, seguendo le direttive della finanza e delle multinazionali, che vogliono nascondere in modo menzognero, con la collusione di governi incapaci, gli effetti disastrosi del sistema economico predatorio da loro creato, si constata ancora una volta l’indifferenza dei responsabili della vita mondiale di fronte al problema dei cambiamenti climatici.

Ci giunge notizia che in Africa dalla zona sub-tropicale fino a Città del Capo la desertificazione è estremamente diffusa, e ad essa hanno fanno seguito improvvise e devastanti alluvioni, producendo l’esodo di 45 milioni di persone, con altissimo rischio di mortalità specie fra i bambini.

È ora che le catastrofi prodotte da questo barbarico sistema economico facciano capire ai governanti della Terra qual è il vero problema da affrontare e qual è la via da seguire.

Si tratta di una via già percorsa da Roosevelt, il quale anziché insistere, come fanno gli attuali politici, sull’accentramento della ricchezza, sulla competitività e sull’esclusione dallo Stato dall’economia, seguì i principi keynesiani della redistribuzione della ricchezza fra tutti i lavoratori e dell’intervento dello Stato nell’economia.

Il popolo è addormentato dalle false notizie che 5 agenzie mondiali diffondono ripetutamente.

Occorre che il popolo guardi alla realtà nella quale siamo immersi, piuttosto che dalle menzogne propalate dalla stampa e dalla televisione.

Professor Paolo Maddalena.

Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

Potrebbero interessarti anche:

Il carattere contabilistico e burocratico del disegno di legge della commissione Rodotà sui cosiddetti beni comuni

Il caso delle trivelle nello Ionio è uno scempio per l’ambiente

L’errore è stato di trasferire le fonti di produzione dallo Stato ai privati

Tap: l’opera va bloccata perché viola la Costituzione

L’Unione Europea modifichi i trattati di Maastricht e di Lisbona

Nazionalizzazioni e privatizzazioni.Oggi è una giornata di lutto nazionale. Ilva svenduta agli stranieri

Il mercato globale, le menzogne del neoliberismo e l’aumento dello spread

Il neoliberismo, causa determinante degli sconvolgimenti attuali

Per salvare l’Italia non c’è altra via che attuare la Costituzione oggi vigente

Ilva: l’aggiudicazione sarebbe un atto fortemente viziatoIl Governo fa marcia indietro su un radicale cambiamento della politica delle privatizzazioniI beni e servizi pubblici devono tornare alla proprietà collettiva del popolo

Le nazionalizzazioni non sono un regresso, ma la salvezza dell’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.