Xylella: si continua a sradicare senza tener conto dello studio contrario fatto dal CREA

Xylella: si continua a sradicare senza tener conto dello studio contrario fatto dal CREA

È sorprendente che il ministero delle politiche agricole, dopo aver creato un apposito centro per lo studio dello xylella, il CREA non tiene in alcun conto i risultati di questo studio secondo il quale è assolutamente sbagliato operare gli sradicamenti degli ulivi perché il loro disseccamento è dovuto dall’abbandono delle buone pratiche agricole e dall’uso dei pesticidi che hanno inaridito il terreno.

Sarebbe obbligo del ministro attuare i risultati di questo studio dal ministero ordinato, piuttosto che uniformarsi a una politica distruttiva che deriva da una campagna menzognera avallata dalle centrali a biomasse e dalla Commissione Europea, la quale non lascia occasioni, per dimostrare la sua dipendenza dagli interessi neoliberisti ai danni della prosperità dell’Italia.

Il recente documento del CREA deve essere portato all’esame dei giudici, amministrativi o ordinari presso i quali tendono le cause promosse dagli interessati alla conservazione degli ulivi e ministero e regione devono essere diffidati a compiere il loro dovere, che è quello di tutelare la produzione agricola e non di distruggerla.

Si ricorda in proposito che sono evidentissime anche le responsabilità del Ministro dell’Ambiente il quale si ostina a non utilizzare i suoi poteri di prevenzione e ripristino dei danni ambientali, falsamente attribuiti al batterio della xylella.

Il tutto va denunciato alla Procura della Repubblica e alla procura regionale della Corte dei Conti.

Professor Paolo Maddalena.

Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

 

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

 

One Response

  1. Concordo, ma che dire delle circa 120 basi usa, nato, e usa nato. Perché la Costituzione, finché siamo una colonia, è impossibile attuarla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *