Il corona virus ha dimostrato  la dannosità del neoliberismo

Il corona virus ha dimostrato la dannosità del neoliberismo

Il contagio da corona virus diminuisce in Italia, ma restano preoccupanti le situazioni di Lombardia e Piemonte.

Il problema discusso ieri dal Presidente del Consiglio dei Ministri è quello del rapporto tra salute dell’uomo ed economia.

Nel suo discorso di ieri, Conte, che merita il più grande apprezzamento per l’opera svolta in questo difficilissimo momento, ha esortato gli italiani al senso di responsabilità, perché la prossima riapertura delle industrie e dei commerci, prevista dalla Fase 2 delle restrizioni, che partirà dal prossimo 4 maggio, aumenta i rischi di infezione e impone di rimettere alla responsabilità dei singoli l’osservanza delle norme relative alle distanze e alle protezioni personali.

Molto significativo è l’effetto che sta producendo nell’immaginario collettivo e anche tra gli economisti la tragedia che stiamo vivendo. Opportunamente si parla sempre più di nazionalizzazioni, da noi sempre auspicate, contro le illogiche privatizzazioni. È stata nazionalizzata Alitalia e sembra che la stessa decisione riguardi anche l’Ilva.

Il corona virus ha dimostrato l’insensatezza e la dannosità estrema del pensiero economico predatorio neoliberista ed è arrivato il momento di chiarire a tutti che un punto deve essere assolutamente chiarito: la distinzione tra beni e servizi che devono appartenere al Popolo e beni e servizi che possono essere esercitati dai privati.

Taluni neoliberisti incalliti continuano ad auspicare un intervento dello Stato solo temporaneo, per assicurare il ritorno dell’economia in mano privata.

Costoro considerano lo Stato un terzo soggetto e non capiscono che lo Stato voluto dalla Costituzione è costituito dallo Stato comunità, cioè dal Popolo. Essi non sanno che la Comunità politica prevede due entità diverse: il singolo, che agisce secondo le norme della proprietà privata; e il Popolo, che agisce secondo le norme della proprietà pubblica, un Popolo che deve necessariamente nell’economia e che può farlo solo se ha la titolarità di beni e servizi essenziali.

Quindi l’importante è distinguere la proprietà pubblica dalla proprietà privata, ed è indubbio che rientrano nella proprietà pubblica le fonti di produzione ricchezza nazionale che non possono mai essere cedute a privati (come successo in Italia), poiché è lo Stato che può salvare i privati e non il singolo privato che può salvare lo Stato (cioè tutti i cittadini).

Ed è da tener presente che lo Stato deve assolutamente mantenere la proprietà pubblica dei servizi pubblici essenziali, delle fonti di energia e delle situazioni di monopolio (articolo 43 Cost.).

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

La rivoluzione costituzionele dimenticata. La prevalenza della proprietà pubblica del Popolo di Paolo Maddalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.