Appare sotto accusa il sistema economico predatorio neoliberista

Appare sotto accusa il sistema economico predatorio neoliberista

L’Italia è il paese più contagiato nel mondo dal corona virus. I morti sono 3045 e hanno superato quelli della Cina che sono stati 3200 e i contagiati sono più della metà dei contagiati cinesi.

Nonostante l’eroico sacrificio di medici, infermieri e tecnici, le carenze negli ospedali, determinate dai tagli alla spesa pubblica, voluti dall’Europa, hanno impedito di strappare alla morte tanti nostri concittadini. È intanto il morbo si espande ancora, nonostante le drastiche misure di contenimento adottate dal governo.

Come abbiamo ripetuto, il corona virus è la prova più dolorosa e evidente del fallimento del sistema economico neoliberista e dell’azione inconsulta dei nostri governi succedutisi dopo l’assassinio di Aldo Moro, che l’hanno sostenuto con privatizzazioni e svendite, nonché con tagli lineari delle spese pubbliche dirette alla tutela della nostra salute e dei nostri interessi

Sembra che gli stessi manovratori dell’Europa si stiano ora rendendo conto della dannosità di questo sistema, anche per i paesi più forti.

Infatti, dopo l’annientamento di fatto del trattato di Schengen e l’adozione di provvedimenti che hanno consentito di sforare i limiti di Maastricht e il divieto degli aiuti di Stato, si discute oggi di sospendere o annullare il patto di stabilità, la cui esistenza è strettamente collegata a quegli obblighi dai quali gli Stati europei sono stati esentati.

Il nostro Presidente del Consiglio, sotto la pressione degli eventi, ha invocato l’intervento del fondo salva Stati sottraendo però tale intervento dai legacci insopportabili previsti dall’accordo sul MES.

Giuseppe Conte resta sempre nell’ambito del sistema predatorio neoliberista, ma cerca di superarne le disposizioni più insopportabili.

Naturalmente si oppongono Germania, Olanda e Finlandia, che con questo atteggiamento, danno prova certa che essi non vogliono una reale unione degli Stati europei, ma vogliono agire all’interno dell’unione Europea per sopraffare gli altri Stati membri e mantenere una situazione di assoluta egemonia su tutta l’Europa.

Allucinante è stato poi l’atteggiamento di un’azienda di Brescia che, per ottenere maggiori guadagni, ha venduto agli Stati Uniti mezzo milione di tamponi per effettuare i test sulla positività al covid-19, mentre proprio a Brescia infuriava, e infuria tutt’oggi, il contagio da corona virus in modo più violento che altrove.

A nostro avviso la procura della Repubblica di Brescia dovrebbe indagare se in questo comportamento sono rinvenibili i profili del reato di cui all’articolo 436 e 438 del Codice penale sotto il profilo della diffusione di epidemie.

Nel concludere richiamiamo tutti gli italiani al loro senso di responsabilità, sottolineando che gli interessi economici, ai sensi degli articoli 41 e 42 della Costituzione, non possono contrastare l’utilità pubblica e che diritto fondamentale dominante su tutti gli altri diritti è il diritto alla salute di cui all’articolo 32 della Costituzione, definito come diritto fondamentale di ogni singolo e interesse di tutta la collettività.

Ogni atto e ogni tentativo di ledere questo diritto fondamentale dovrà essere considerato come reato e punito a termine di legge.

Come afferma l’articolo 52 della Costituzione, in casi come questo che stiamo vivendo “difendere la patria è dovere sacro del cittadino”.

VAI ALLA PETIZIONE CONTRO IL MES: http://chng.it/wZvzDtGN

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

One Response

  1. É proprio vero che la speranza è l’ultima a morire! Sono onorato di aver conosciuto il Presidente Maddalena, se pur in rete, ella mi ha dato una grande speranza per il futuro. Dopo un lungo marciume di politica, si innalza una voce, dal popolo, in favore di esso. Grande intelligenza quale quella del Presidente. La sua forza combattiva da voce alla speranza di tutti noi. Fiduciosi di riappropriarci della nostra Costituzione, del nostro Diritto, della nostra terra, delle nostre ricchezze. Grazie Presidente, io sto con Lei. Buon lavoro.
    Lucá Romualdo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.