Nella tragedia del corona virus si innesta la tragedia politica creata da Matteo Renzi

Nella tragedia del corona virus si innesta la tragedia politica creata da Matteo Renzi

L’infezione del corona virus continua a crescere in modo molto preoccupante a livello globale.

Solo nella giornata di ieri in Inghilterra ci sono state 1820 vittime, mentre negli Stati Uniti si sono raggiunti, dall’inizio dei contagi, circa mezzo milione di decessi.

Fatto estremamente importante sul piano della politica mondiale è quanto si comincia a capire sul significato dell’azione di Trump e dei suoi strabilianti comportamenti.

Comincia ad essere evidente che l’assalto al Campidoglio sia stato preparato e manovrato direttamente da Trump e da funzionari a lui fedeli e che l’obiettivo fosse quello di uccidere la speacker Nancy Pelosi e il vice Presidente Peance, in modo da dar luogo a un vero e proprio colpo di Stato.

Il dato è molto preoccupante perché Trump promette una sua rivincita e comunque è stato votato da 74 milioni di americani.

Sembra che si delinei a livello mondiale una spaccatura che si innesta in tutti gli Stati occidentali: da un lato i democratici autentici e dall’altro coloro che vogliono dei governi autoritari, indipendentisti e suprematisti.

Questo quadro generale rende l’azione squallida di Renzi ancora più perniciosa, perché la politica italiana si trova ora nel bivio di scegliere tra la riconferma del governo Conte, cosa alquanto improbabile, e l’ascesa al governo, mediante nuove elezioni, della destra di Salvini e della Meloni, dichiaratamente trumpisti, cui si aggiunge la massa informe, disinformata, disattenta e con la mente bacata dalla propaganda neoliberista, dei cosiddetti “negazionisti”.

In questa situazione la salvezza potrebbe venire da quel “diritto di resistenza” invocato da Dossetti, secondo il quale il Popolo potrebbe agire contro i suoi governanti inesperti o portatori di idee contrarie all’interesse nazionale: o mediante lo sciopero generale, o mediante il ricorso alla Corte costituzionale.

Puntando su questo ultimo elemento si potrebbe trovare una brillante via d’uscita, quella di portare davanti alla Corte costituzionale, da parte di elettori che agiscono nello steso tempo nell’interesse proprio e di tutti gli altri elettori, senza necessità di ricorrere all’istituto della rappresentanza (come si evince dagli articoli 2 e 118, quarto comma, della Costituzione), l’articolo 14 del regolamento del Senato, in base al quale Renzi ha creato il partito Italia Viva con senatori che sedevano in Senato dopo essere stati regolarmente eletti dai comizi elettorali.

Detta operazione di palazzo è infatti in palese contrasto con l’articolo 49 della Costituzione, cui devono essere conformi anche i regolamenti parlamentari, secondo il quale: “tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

L’azione di Renzi, come agevolmente si nota, ha travolto un principio fondamentale della nostra democrazia: ha tolto ai cittadini il diritto di associarsi in partiti per determinare la politica nazionale e si è sostituito ad essi creando un partito con persone già elette dal Popolo.

Questo è alla base dello stravolgimento della politica italiana che, in una drammatica situazione determinata dalla pandemia, si trova oggi in un totale blocco dell’attività di governo, specialmente nei confronti dei soggetti che operano in campo economico, con incalcolabili danni per l’intera collettività.

Ripetiamo, tutto questo è opera di Renzi, il quale più volte ha voluto cambiare la Costituzione, probabilmente perché vuole togliere poteri al Popolo e accentrarli in soggetti che hanno le sue stesse idee, violando così anche il comma due, dell’articolo 54 della Costituzione, secondo il quale: “i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”.

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE
ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

2 Responses

  1. Rammento a tutti che su una popolazione di 60 milioni di Italiani e 320 milioni di cittadini USA ripettivamente, con aspettativa di vita media di 84 anni, muoiono rispettivamente circa 700.000 persone in Itali e circa 4.000.000 in USA… delle quali , come sempre è stato e sempre sarà… circa il 15-20% ci lasciano durante il periodo influenzale… pertanto i negazionisti sono al governo internazionale, visto che sono spariti i casi di normale influenza… per cambiarle nome, anzi lasciandole lo stesso nome… covid, appunto, 19, 20, 21, …e così via con mutazioni continue per “anacronistici e pericolosi Vaccini”… Attenzione che nonno Hitler è salito con lo stesso scherzetto… e qualcuno mette avanti le mani, coi mutanti inglesi e brasiliani… Curiamo gli ammalati, senza sospendere la Costituzione Italiana, che non prevede la sua sospensione… proprio per il timore e l’esperienza del Nazifascismo… prettamente Farmaceutico (Bayer Monsanto o IG Farben, processata a Norimberga per crimini contro l’Umanità). Riapriamo L’Italia come atto a difesa dell’Art. 1 della Costituzione fondata sul Lavoro, e finaziamo 30.000 terapie intensive coi 10 miliardi di € che abbisognano a ciò… Ne abbiamo già buttati 500 di “locodown” e almeno 100 di “ristori ai ristoratori” ed elemosine ai falliti… CONSIGLIO A PAOLO MADDALENA DI DICHIARARE LO STATO DI GOLPE ISTITUZIONALE… E DARE VITA A UN GOVERNO PROVVISORIO POPOLARE CHE INDICA LE ELEZIONI CON SISTEMA PROPORZIONALE, COME PREVISTO DALLA COSTITUZIONE INVIOLABILE DELLA REPUBBLICA ITALIANA.
    E vista la scivolata della minestrina bellanova nel giorno in cui venivano bocciate le aperture agli ogm… chiederei intando un Immediato Ministro Agroecologo che riporti l’Italia al suo naturale stadio di Giardino Biologico della Biodiversità Agroalimentare mondiale… ricreando 3 milioni di posti di lavoro nel sacro appennino abbandonato (5 milioni di ha sottoutilizzati e sotto dissesto). In sostanza risolvendo i problemi italiani attraverso Agroecologie Ambiente e Salute. Bastano 20 miliardi all’anno… di fondi UE della PAC gia disponibili… Ne risparmieremmo altrettanti di prevenzione dei danni da dissesto idrogeologico e alluvioni… e almeno 30 in sanità per la riduzione delle patologie cronico degenerative collegate a Pesticidi e squilibri alimentari… la vera pandemia mondiale, in Italia passata dal 35.000 morti all’anno di cancro nel 1990 (ai tempi del referendum contro i pesticidi) agli attuali 350.000 !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.