Paolo Maddelna

Il virus del neoliberismo, sotto certi aspetti è peggiore del corona virus, in quanto ha totalmente occupato le menti dei nostri politici e dei faccendieri cui i politici si rivolgono, i quali parlano della gestione delle autostrade su un piano irreale, non tenendo conto che le autostrade sono un bene pubblico, costruito dal Popolo e che deve servire gli interessi pubblici.

I capi di Atlantia si pongono nei confronti dello Stato come nei confronti di qualsiasi impresa privata, e non capiscono che stanno trattando degli interessi pubblici della Nazione e che, per altro, è contro la Costituzione l’affidamento a privati di funzioni pubbliche, nonostante ciò sia stato affermato da leggi, le quali non sono conformi a Costituzione e devono essere quanto prima annullate dalla Corte costituzionale.

La concessione delle autostradale deve essere tolta ai Benetton, perché hanno dimostrato, con il crollo del Ponte di Genova, di essere inidonei di gestire questo servizio e per di più si permettono di offendere il Popolo italiano, minacciando di sospendere il piano di investimento autostradale, indispensabile per evitare ulteriori crolli e per assicurare un uso normale delle autostrade stesse da parte dei cittadini.

Su questo argomento non esistono margini di trattativa, come sembra stia facendo il PD, ed è da considerare ignobile qualsiasi operazione che tenda al compromesso.

Atlantia ha agito male e, secondo il codice degli appalti, non ha più nessun diritto ad ottenere la concessione.

D’altro canto il governo deve anch’esso sgomberare la sua mente dalle idee radicate dal neoliberismo, le quali, come si è accennato, hanno spinto la politica a porre sullo stesso piano interesse privato e interesse pubblico.

La Costituzione prevede la prevalenza dell’interesse del Popolo, che è intoccabile, sull’interesse economico privato.

Lo affermano inequivocabilmente: l’articolo 41 Cost, secondo il quale “l’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza (vedi crollo Ponte di Genova), alla libertà e alla dignità umana”. E lo conferma il successivo articolo 42, Cost., secondo il quale: ” la proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge allo scopo di assicurarne la funzione sociale”.

Atlantia non ha assolto alla funzione sociale, facendo crollare il ponte di Genova e omettendo per 25 anni qualsiasi manutenzione stradale, contrastando così il citato l’articolo 42, e ha agito contro “l’utilità sociale”, arrivando a chiedere spudoratamente anche aiuti di Stato, dopo aver provocato danni reali e gravissimi alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana.

Il governo, in questa situazione, deve far ricorso all’articolo 43 della Costituzione, secondo il quale: “i servizi pubblici essenziali (e tale è il servizio autostradale) devono essere gestiti dallo Stato, da enti pubblici o da comunità di lavoratori e di utenti”.

Questo è un momento decisivo nel quale si gioca la credibilità stessa del governo, che, dopo aver molto bene agito contro gli effetti del corona virus, è oggi chiamato a combattere contro, come si diceva, un’infezione ancor più grave: quella del neoliberismo, che pone l’interesse economico privato al di sopra dei diritti fondamentali del cittadino.

Su questo argomento si potrà stabilire se il governo Conte è dalla parte dei cosiddetti poteri forti o dalla parte del Popolo sovrano, proprietario assoluto dei beni pubblici essenziali, i quali sono “inalienabili, inusucapibili e inespropriabili.

In conclusione la via d’uscita è una: affidare le autostrade all’Azienda Nazionale Autonoma delle Strade (Anas) ritrasformandola in azienda pubblica ed eliminando l’illegittima denominazione di S.p.A., cioè di una società lucrativa che mira a soddisfare gli interessi dei soci e non quelli della comunità nazionale.

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE
ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

La rivoluzione costituzionale dimenticata. La prevalenza della proprietà pubblica del Popolo di Paolo Maddalena

ACQUISTA IL LIBRO

3 commenti su “Le autostrade sono degli italiani, l’interesse pubblico deve prevalere sugli speculatori privati”

  • Non possiamo essere ricattati da un’azienda che minaccia di non assicurare un servizio pubblico e che ha causato morti per risparmiare sulla manutenzione .
    Abbiamo minacciato di disdettarli e invece espropriamoli.
    S non lo facciamo il governo mostra di essere connivente.
    Se hanno questo modo di fare vuol dire che godono di sponsors importanti.
    Amici segnalate che esistete

  • Amici segnalate il vostro supporto
    Se ci lamentiamo e poi facciamo fatica a lasciare un commento ci dimostriamo indegni

  • 1-Perfettamente d’accordo sulla necessità di togliere tutto ad Atlantia ! Ma ….. chi sono stati quei mafiosi che hanno affidato il primo incarico ai Benetton ? Inoltre aggiungendo
    clausole segretate?
    2- Perchenon si riesce ad eliminare le varie Mafie? Forse perché TUTTA la politica ne è coinvolta ! Il caso recente Palara ne è un esempio eclatante; l’assoluzione di Andreotti ( facendo andare in prescrizione i reati) ne rappresenta ulteriore conferma.
    3-Il fatto che ogni opera pubblica costi, in Italia, il doppio di quanto costi in Germania è un esempio che il Codice degli Appalti o non viene applicato con rigore oppure è una bufala !!!!
    Rimettiamo la pena di morte per certa gente!!!!! Modifichiamo in tal senso la Costituzione! !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.