Senza solidarietà i trattati europei dovranno ritenersi estinti

Senza solidarietà i trattati europei dovranno ritenersi estinti

Si è comportato molto bene il nostro nell’ Eurogruppo dei ministri economici europei svoltosi ieri a Bruxelles, il nostro ministro dell’Economia il quale ha tenuto ferma la posizione espressa da Conte che si riassume nella parole: “no al Mes, si agli Eurobond”.

Purtroppo l’ignobile egoismo neoliberista di Germania, Olanda, Austria, Finlandia, Svezia e Danimarca si è opposto all’emissione di detti Eurobond, nel presupposto che non sarebbe possibile che tutti gli Stati si assumano l’onere della garanzia per i prestiti concessi ad altri Stati dell’Unione.

La posizione francese

La Francia ha assunto una posizione intermedia, proponendo che l’emissione di Eurobond debba essere limitata ad affrontare soltanto i danni provocati dal corona virus ai singoli e alle imprese. Ma anche questa proposta è stata respinta dall’Eurogruppo.

Ricordiamo che l’Unione europea è una “organizzazione internazionale a carattere sovranazionale”, il cui scopo fondamentale è quello di raggiungere una coesione economica e sociale tra gli Stati sovrani facenti parte di detta organizzazione.

L’atteggiamento di Germania, Olanda

L’atteggiamento di Germania, Olanda e degli altri paesi del Nord annienta questo scopo, senza tener conto del fatto che la convenzione di Vienna prevede che essi, agendo il tal modo, si pongono fuori dalla stessa organizzazione internazionale alla quale hanno aderito.

Ne consegue che, se dovesse permanere questa situazione, i trattati europei dovranno ritenersi estinti in base a quanto previsto dalla Convenzione di Vienna e ciascun Paese dovrà agire sulla base del proprio ordinamento costituzionale. E non si può non sottolineare in proposito che la Germania ha sempre fatto prevalere le decisioni della propria Corte costituzionale sull’attuazione dei trattati, mentre il legislatore italiano, molto improvvidamente, ha spesso fatto prevalere i trattati sulla nostra Costituzione, distruggendo così il patrimonio pubblico del Popolo sovrano

Trattati e Costituzione

I fatti sopra detti impongono ai nostri politici di ispirarsi sempre e in ogni caso alla nostra Costituzione e di tenerla ferma soprattutto nei confronti di quei Paesi che hanno dimostrato di essere contrari alla coesione economica e sociale che i trattati prevedono.

Ne tengano conto Germania, Olanda, Austria e gli altri paesi del Nord che, finora impunemente (e non elenchiamo le loro enormi trasgressioni nell’osservanza dei trattati), l’hanno fatta da padroni.

Secondo l’articolo 11 della nostra Costituzione, o si agisce su un piano di parità, oppure gli accordi con gli altri Stati cadono nel nulla.

FIRMA LA PETIZIONE CONTRO IL MES: http://chng.it/wZvzDtGN

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

8 Responses

    1. Niente MES, un prestito tra noi italiani, un prestito d’ onore come una volta. A che servono i nostri risparmi se non per dare un futuro ai nostri figli.

  1. L’Intervento del prof Maddalena deve essere il punto nevralgico per uscire dall’ Europa e per istituire la moneta parallela per ricostituire il nostro patrimonio e la nostra libertà di azione in europa.

  2. Abbiamo già concesso troppo a quest’Europa, concordo con quanto detto e sottoscrivo

  3. Senza solidarietà i trattati europei dovranno ritenersi estinti!!! Abolizione del debito come e’ gia’ avvenuto per la Germania post guerra.

  4. Trattare abolizione del debito come e’ gia’ avvenuto per la Germania post guerra.

  5. ABBIAMO PAGATO GIÀ ABBASTANZA PER QUESTA FINTA UNIONE EUROPEA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.