La crisi di governo è in atto. Quale soluzione adottare?

La crisi di governo è in atto. Quale soluzione adottare?

Le notizie sull’infezione da Covid-19 sono molto preoccupanti. Al punto che illustri virologi come Galli e Crisanti hanno chiesto al governo l’applicazione del rimedio del lockdown generale.

Ma il governo, in tutt’altre faccende affaccendato, ha fatto orecchie da mercante.

Sul piano politico, per porre rimedio ai tragici errori commessi dal rottamatore Renzi, vengono proposte varie soluzioni. A noi sembra che la via da seguire sia quella tracciata dall’articolo 49 della Costituzione, secondo il quale: “tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

Tale articolo attribuisce in modo chiaro la nascita dei partiti alla volontà del Popolo sovrano e non consente che, dopo le elezioni (come avvenuto dopo le elezioni del 2018) uno dei senatori o deputati crei autonomamente un altro partito formato da parlamentari già eletti, superando i limiti dei propri poteri costituzionali e sottraendo parte di tale potere al Popolo.

Da ciò discende che il partito Italia Viva è costituzionalmente illegittimo e dovrebbe considerarsi come inesistente. La votazione in tal senso da parte del Parlamento sarebbe pertanto auspicabile e dirimente.

Diversa è la situazione attuale, che non è una situazione normale, ma è caratterizzata da uno stato di emergenza, che non sappiamo quando finirà.

Una situazione che non consente di lasciare l’Italia senza un governo per tutto il periodo necessario per consentire una nuova consultazione elettorale. Non resta pertanto che rimetterci alle prudenti e sagge determinazioni del Presidente della Repubblica e del Parlamento, che tengano conto dell’attuale Stato di emergenza e di quanto operato da Renzi in un momento di assoluta tranquillità.

Voci funeste riguardano l’eventuale vendita, da parte di FCA (Fiat), dell’italiana Iveco, che costruisce motori per trasporti pesanti, ai cinesi.

È questo un argomento che non può essere messo in secondo ordine, poiché esso influisce, checché ne pensi Renzi, sull’economia italiana molto più che le chiusure imposte dal corona virus. Si tratta di un’azienda strategica, la cui proprietà, gestione e acquisto dei profitti, non può essere ceduta a stranieri, in quanto costituiscono fonte di occupazione per i lavoratori e di ricchezza nazionale (vedi art. 43 Cost.). È su questo, nonostante i mille impegni, relativi al contrasto della malattia del corona virus, che deve impegnarsi il governo, per difendere dallo straniero la ricchezza nazionale del Popolo italiano, facendo ricorso, almeno questa volta, al Golden Power.

Aspetto, quest’ultimo, del tutto assente nella mente di Matteo Renzi, il grande rottamatore dell’Italia, che ora dovrebbe avere un solo fine da perseguire per il bene di tutti: rottamare se stesso.

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE
ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

2 Responses

  1. Buonasera, la ringrazio per tutto il lavoro che sta facendo per il popolo italiano. E spero che si abbia un riscontro al più presto e che il popolo si svegli dal torpore e inizi a farsi vedere e sentire sempre di più in modo che ci riappropriamo della nostra Costituzione che è l’Anima del nostro popolo❤️

  2. Caro Presidente, grazie del suo richiamo alle norme costituzionali che non consentono , dopo le elezioni, che uno dei senatori o deputati crei autonomamente un altro partito formato da parlamentari già eletti, superando i limiti dei propri poteri costituzionali e sottraendo parte di tale potere al Popolo. Ma non le sembra che sia la maggior parte di questi eletti ad aver tradito la volontà degli elettori che li hanno votati? Non crede che anche questo mercato dei cosiddetti “responsabili” sia un’operazione che offende il Parlamento e tradisce la volontà degli elettori? Questo governo non rispecchia nessuna reale aggregazione di intenti e di visione, non esprime una vera volontà popolare: questa, almeno, è la mia impressione. Grazie se vorrà rispondermi illustrando il suo parere. Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.