L'esempio della Spagna che non rinnova le concessioni autostradali

L'esempio della Spagna che non rinnova le concessioni autostradali

È positiva la notizia secondo la quale il governo spagnolo non ha rinnovato a Benetton la concessione di oltre 600 chilometri di autostrade, riconsegnandone la gestione a un Ente statale.

Un esempio da seguire anche da parte dell’Italia, le cui soluzioni in questo settore sono tristemente influenzate da politici neoliberisti come Matteo Renzi, che hanno l’impudenza di definirsi come politici di sinistra.

Le autostrade italiane, costruite dagli italiani, con i soldi degli italiani, devono tornare sotto la gestione di un Ente pubblico o un’ Azienda pubblica italiani, non di una S.p.A., poiché solo l’Ente pubblico o Azienda pubblica deve perseguire l’interesse del popolo sovrano e non l’interesse egoistico dei soci.

L’egoismo sul quale si fonda il pensiero neoliberista sta dando i suoi amari frutti anche sul piano internazionale.

Come dirimpettai oltremare abbiamo, non più Gheddafi, ma nella Libia occidentale i turchi e in quella orientale i russi, gli egiziani e i francesi. L’Europa è assente. Ma come potrebbe essere presente, se uno dei suoi membri più influenti, e cioè la Francia, si preoccupa soltanto che i suoi interessi individualistici, dentro e fuori l’Unione Europea?

La salvezza sta, come più volte abbiamo detto, soltanto nei principi fondamentali della Costituzione italiana, che mette in primo piano la solidarietà sociale e non l’egoismo individualistico che porta alla sopraffazione dei più deboli.

E si ricordi comunque che l’egoismo porta i governanti, che pur si dicono democratici, a essere dei puri criminali, come possiamo notare in ciò che sta avvenendo in Iraq e in Iran.

Professor Paolo Maddalena. Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale e Presidente dell’associazione “Attuare la Costituzione”

FAI UNA DONAZIONE AD ATTUARE LA COSTITUZIONE

ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE ATTUARE LA COSTITUZIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.